…ma io non so…

Ciao Socio, è una vita che non scrivo qui, e tu tantomeno leggi se non te lo stampo quindi ho scoperto che questa è un’ottima via di sfogo, che tanto non vedi……!!!! Scherzo…però mi piace l’idea di non sapere se e quando raccoglierai questi miei pensieri, un po’ come un messaggio nella bottiglia….potrebbe affondare per sempre….o forse arrivare chissà dove…
Va beh, diciamo che sono un po’ perplessa….avevo una mezza idea di scrivere qui già ieri sera, ma poi ho finito la letterina per Babbo Natale che ha tanto da fare e mica posso mandargliela la vigilia, eh!
E quindi, oltre a ciò che avevo in mente ieri sera……ti ci sei messo anche tu stasera con la storia della “scopatina”…che già come lo dici mi fai sorridere……
Comunque…ti ho appena sentito al telefono….che voglia di te, della tua pelle da accarezzare, toccare, annusare, sentire…del tuo respiro del tuo sguardo, del tuo desiderio…….delle tue mani, di essere tua ancora…
Io tento di non distrarmi….ma così è impossibile!!!
Vediamo se riesco ad arrivare dove vorrei prima dell’Apocalisse…ieri sera stavo pensando a tutto quel discorso-sondaggio che mi hai fatto a proposito del mio cambiamento……mi sono accorta di una cosa: da un certo punto di vista, questo mio cambiamento nasce da una  mia necessità, che man mano che aumenta la nostra complicità, non riesco più a controllare….sto imparando a “sorridere” con te, a immaginare con te, a giocare con te, e tutto questo mi distrae da quello che ho sempre immaginato fosse il mio ruolo con te….hai aperto la porta della tenerezza, delle coccole, delle battutine complici, siamo diventati davvero una Società, sguardi, parole, pensieri, cenni, sorrisi….tutte cose che condividiamo solo tra noi due, inventiamo linguaggi, nomi, riti, giochi di parole di cui abbiamo l’esclusiva e che appartengono solo a noi come Società (almeno io non riesco a immaginare di usarli in altri contesti che non ci appartengano!!). Tutto questo mi ha portato ad un’apertura nei tuoi confronti che sconfina un po’ dal “mio ruolo”, in questa atmosfera rilassata mi sto allargando…. e la cosa più assurda è che tu incoraggi tutto questo, lo trovi positivo…..e io mi ci tuffo!!! …nel senso che, questa è la necessità di cui parlavo prima…..se c’è una cosa di cui soffro tantissimo e di non aver nessuno con cui poter scherzare, condividere, “complottare”, coccolarsi, sostentersi, guardarsi le spalle, coprirsi le nostre cazzate a vicenda…..insomma la complicità….con mio figlio posso fino ad un certo punto, sono sua madre, mica posso incoraggiarlo a certi comportamenti (non che non vorrei, eh!)….con te ci provo a censurarla, ma da quando mi sono accorta che è troppo bello, divertente, grandioso, che riusciamo ad applicarla in ogni frangente, non riesco a trattenermi…..è come avere un senso in più……..il senso dell’appartenenza forse, condividere un  piccolo mondo che sappiamo solo nostro, non so……ma qui si rischia la voglia di quotidianità (è grave???!!!)…esempio: l’altra sera si scherzava con la storia del bidet…forse ti è sfuggito che ci siamo immaginati in un vero e propio ambiente casalingo-familiare??!!Io più che immaginato ti ho proprio visto sul lavandino che ti lavavi i denti, e sinceramente mi è venuta voglia di sfilarti un po’ i pantaloni del pigiama o della tuta per mordicchiarti scherzosamente il sedere e poi darti un sacco di piccoli baci sulla schiena…….insomma!!! Ecco, il fatto è che mi viene voglia di viverla questa complicità, e non potendolo fare finisco per immaginare momenti, luoghi e provocazioni che metterei in atto per farti impazzire…..riesco a vederti ovunque accanto a me e non parlo solo di sesso e provocazioni, ultimamente mi hai fatto sentire a casa in ogni posto e occasione….forse non va bene….forse dovrei fermarti quando sono così, quando in ufficio mi devo controllare per non lasciarmi sfuggire di passarti accanto stampando il mio corpo sul tuo come un francobollo (ooops! non ci passavo, scusa!!!), dovrei dirti di stare alla larga da questa socia che si sta lasciando andare, senza mezze misure…..ma non credo che te lo dirò…..in fondo sono umana, e questa piega che sta prendendo la Società è qualcosa di meraviglioso che voglio vivermi per quanto posso….non dirmi che non si può, l’hai voluto anche tu…e ti piace….e poi limitazioni e accorgimenti ne abbiamo talmente tanti che per la legge dell’assurdo ci spetta questo piccolo universo dove possiamo tutto, vorrai mica lasciartelo scappare???!!!! Slurp!.
 
…ma io non so…ultima modifica: 2008-12-12T01:34:40+01:00da bimbusparadise
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento